Giovedì
23:12:49
Marzo
31 2022

Due nuove installazioni entrano nella collezione di Triennale Milano - Visitabili in Giardino dal 1° aprile

View 2.2K

word 436 read time 2 minutes, 10 Seconds

Due nuove installazioni di due maestri dell’architettura entrano nella collezione permanente di Triennale Milano e sono visitabili nel Giardino Giancarlo De Carlo dal 1° aprile

Triennale Milano presenta due nuove opere di due maestri dell’architettura che entrano a fare parte della collezione permanente dell’istituzione e che il pubblico potrà visitare dal 1° aprile all’interno del Giardino Giancarlo De Carlo.

La prima installazione è Meuble Plus dell’architetto, designer e urbanista Yona Friedman (Budapest, 1923 – Parigi, 2020), che viene esposta nel giardino di Triennale dal 1° al 17 aprile 2022. Meuble Plus è stata donata dalla Fondazione Friedman a Triennale. Il progetto è a cura di Maurizio Bortolotti.

Emilio Genovesi e Rodrigo Rodriquez hanno reso possibile la realizzazione di questa opera in occasione dell’edizione 2018 del Fuorisalone e ne avevano previsto la collocazione in Triennale per renderla disponibile alla città di Milano. L’opera viene presentata venerdì 1° aprile 2022 alle ore 17.00 in occasione di un incontro aperto al pubblico.

Ideata da Yona Friedman per i rifugiati, l’opera è composta da tre moduli abitativi e realizzata con materiali riciclati. Sintetizza la ricerca dell’architetto e urbanista sul tema dell’“architettura mobile”, costituita da un'infrastruttura immateriale e da elementi “domestici” mobili simili ad arredi dai costi molto contenuti. Pratica e poetica di Friedman sono caratterizzate da una sperimentazione radicale in grado di travalicare i limiti della disciplina architettonica per entrare in dialogo con arte, biologia, cibernetica, antropologia, psicologia e sociologia.

La seconda installazione è la sedia Grande Milano di Aldo Rossi (Milano 1931 –1997), modello in scala 7:1 della sedia progettata nel 1987 dall’architetto per Molteni&C, che l’ha donata a Triennale. L’installazione è un omaggio ad Aldo Rossi, maestro dei saperi del Novecento e protagonista dell’architettura internazionale – è il primo architetto italiano a ricevere il Pritzker Architecture Prize nel 1990. L’opera celebra la memoria di Milano, città d’origine e di formazione che Rossi conosceva e amava profondamente – risale al 1960 la sua prima partecipazione alla Triennale di Milano.

La sedia Milano è piccola di dimensioni e leggera di peso, ma di grande robustezza. Riprende un tipo tradizionale e antico, la sedia rinascimentale pieghevole, discendente a sua volta dalla “sella curulis” romana. L’opera è un oggetto fuori scala, un’architettura che corrisponde a pieno all’idea di Rossi di creare oggetti domestici, che si relazionino con le architetture circostanti.

La collaborazione pluriennale tra Triennale Milano e Molteni Group si rinnova attraverso la donazione della sedia che entra a fare parte della collezione permanente dell’istituzione.

Orari di apertura del Giardino

1° aprile: dalle ore 12.00 alle ore 20.00

Dal 2 aprile all'8 maggio: sabato e domenica dalle ore 12.00 alle ore 21.00


Source by Triennale


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Due nuov...° aprile
from: ladysilvia
by: MilanoFoodLab